SINTESI-Fiat,dati migliori attese,no rischio rating con Chrysler

mercoledì 20 aprile 2011 18:12
 

(unisce lanci)

di Stefano Rebaudo

MILANO, 20 aprile (Reuters) - Fiat FIA.MI non ha bisogno della liquidità derivante da un'Ipo di Ferrari e non vede un impatto negativo sul rating sul debito dall'acquisto del 16% di Chrysler, che la porterebbe alla maggioranza del capitale.

Lo ha detto l'AD Sergio Marchionne, nella conference call sui risultati Fiat.

Il gruppo di Torino ha chisuo il primo trimestre con trading profit e debito netto migliori delle attese.

Rispondendo alle sollecitazioni degli analisti su una possibile revisione degli obiettivi 2011, ha rimandato qualunque valutazione "a fine del terzo trimestre, quando avremo chiaro l'impatto del Giappone".

Per quanto riguarda la crisi nipponica che porta con sè una riduzione dell'offerta di componentistica, ad oggi Fiat prevede un impatto tutto sommato limitato "a 50.000 100.000 veicoli in termini di volumi", ha detto l'AD.

Nessuna conseguenza invece sull'America Latina.   Continua...