Abn Amro, ritorno borsa più probabile di vendita - ministro

martedì 25 gennaio 2011 18:52
 

AMSTERDAM, 25 gennaio (Reuters) - La vendita di Abn Amro a una banca domestica o straniera è un'ipotesi meno probabile di un ritorno in borsa, cosa che è attesa non prima del 2014.

A dirlo è il ministro delle Finanze olandese Jan Kees de Jager nella consueta intervista settimanale all'emittente televisiva RTL Z.

"Anche se ci sono altre opzioni, la quotazione è la più realistica", ha dichiarato il ministro. "La vendita a un'altra banca, domestica o straniera, è un'opzione meno probabile rispetto alla quotazione", ha aggiunto.

Il governo olandese ha nazionalizzato Abn Amro nell'ottobre 2008 nell'ambito di una serie di iniziative, tra le quali si contano anche robuste iniezioni di capitali freschi per Ing ING.AS, Aegon (AEGN.AS: Quotazione) e SNS Reaal SR.AS, con l'obiettivo di salvare il sistema finanziario del paese messo a rischio dalla crisi del credito globale.

Secondo quanto spiegato da Kees de Jager, la normativa antitrust olandese probabilmente non consentirebbe a un gruppo finanziario domestico di comprare Abn Amro, mentre un takeover dall'estero è improbabile anche per gli effetti perduranti della crisi del credito e per i problemi che operazioni simili hanno incontrato in passato.

Il gruppo Abn Amro comprende oggi anche le attività retail di Fortis Dutch oltre a servizi di merchant banking e commerciali per le aziende olandesi e divisioni di private banking in 13 paesi con un focus sulla crescita in Asia.