PUNTO 2 - Cir, niente IPO per Kos, entra Axa PE, avrà fino 46,7%

giovedì 28 ottobre 2010 18:23
 

(aggiunge andamento Cir)

MILANO, 28 ottobre (Reuters) - Cir (CIRX.MI: Quotazione) rinuncia alla IPO per la controllata Kos, nel cui capitale entra Axa Private Equity - che fa capo all'omonimo colosso assicurativo francese - con una quota del 41,1%, da incrementare in tre anni al 46,7%, per un impegno complessivo di 150 milioni di euro.

Il completamento dell'operazione vedrà Axa PE rilevare le quote della maggior parte dei soci di minoranza e sottoscrivere un aumento di capitale riservato cui ne seguiranno altri per l'incremento successivamente previsto della quota. A quel punto Cir resterà azionista con una partecipazione del 51%.

Kos, tra i primi operatori privati nell'assistenza socio-sanitaria, ha chiuso i primi nove mesi 2010 con 239 milioni di ricavi netti (+17,4%) e 4 milioni di utile netto.

Le prime indiscrezioni su un possibile ingresso del fondo chiuso Axa erano circolate in luglio e una fonte aveva anticipato a Reuters che l'interesse era per una quota di minoranza e che l'eventuale deal si sarebbe concluso in autunno. Con la revoca del progetto di Ipo, il collocamento resta "un'opzione nel medio-lungo periodo". Kos aveva presentato richiesta di entrare in borsa nel marzo scorso. "Grazie all'accordo, Kos disporrà di nuove risorse a supporto dei progetti di crescita", si legge nel comunicato Cir.

Axa PE ha già realizzato deal importanti in Italia, primo tra tutti l'acquisto dell'80% Enel Rete Gas in cordata con F2i (i francesi hanno il 25% del veicolo). Più di recente, in settembre, è stato acquistato il 6% del capitale di Bravofly, società attiva nelle prenotazioni di viaggi online, nel quadro di un'operazione che ha visto investitori privati rilevare complessivamente il 16% del capitale.

Cir, che oggi ha anche annunciato i conti dei nove mesi con utile di 53,7 milioni - in confronto sfavorevole con 138 milioni del 2009 gonfiati da poste straordinarie - ha chiuso la seduta di giovedì in rialzo a 1,6510 euro dai 1,6360 di riferimento ieri.