IPO, Coal India per broker potrebbe capitalizzare fino $45 mld

mercoledì 13 ottobre 2010 14:00
 

MUMBAI, 13 ottobre (Reuters) - Il massimo di forchetta proposto per la IPO di Coal India valorizza la società a 35 miliardi di dollari, ma per alcune broker house la numero uno mondiale delle miniere di carbone potrebbe valere 45 miliardi.

Il governo indiano punta a privatizzare il 10% della società estrattiva, quasi 632 milioni di azioni offerte in un range tra 225 e 245 rupie (fino a un massimo di 3,5 miliardi di dollari). Ma alcuni analisti hanno stimato che l'azione potrebbe valere tra 265 e 324 rupie.

Coal India, dicono gli analisti, è la miglior scommessa sulla situazione di crescente sbilancio domanda/offerta carbonifera del paese.

Per il broker Motilal Oswal (MOFS.BO: Quotazione) l'azione di CI potrebbe valere 325 rupie, un premio di un terzo superiore al massimo della forchetta proposta. CLSA stima a un anno una quotazione tra 309 e 324 rupie, mentre un altro broker del subcontinente, Religare (RELG.BO: Quotazione) parlava prima di conoscere la forchetta di 265-315 rupie.

Coal India ha prodotto 431 milioni di tonnellate nel 2009/10 e rappresenta quasi l'80% della produzione di settore in India, dove il 75% della produzione di elettricità si basa su questo input. L'India ha un deficit di produzione di picco di quasi 14% e punta a triplicare in 10 anni la sua capacità di generazione.

La IPO, che parte lunedì e dovrebbe finire giovedì, sarà la maggiore nella storia della terza economia asiatica.

Oggi il presidente CI Partha Bhattacharyya ha detto che il gruppo prevede un incremento dell'utile del 25% in questo esercizio e ha 1,2 miliardi di dollari per eventuali acquisizioni all'estero. Si stanno valutando "un paio di proposte" per rilevare partecipazioni in società del carbone oltreoceano, ha detto.

Nel 2009/10 fiscale - da aprile a marzo - Coal India ha fatturato l'equivalente di 11,8 miliardi di dollari con utile netto di 2,2 miliardi.