Ipo, raccolta globale luglio balza a massimi da novembre 2007

martedì 3 agosto 2010 10:51
 

NEW YORK, 3 agosto (Reuters) - La raccolta dalle Ipo globali a luglio spicca un balzo e torna ai livelli precedenti al collasso dei mercati finanziari. Secondo i dati Reuters, i 30,5 miliardi di dollari raccolti nel mese scorso nel mondo sono il massimo dal novembre 2007.

La raccolta dalle Ipo supera inoltre quella delle emissioni secondarie, che - guidate da Mizuho Financial (8411.T: Quotazione) e Inpex (1605.T: Quotazione) in Giappone - hanno raccolto in tutto 30,4 miliardi di dollari a luglio. Fino a tutto il 2009 le Ipo erano in genere rimaste sotto il cono d'ombra delle emissioni secondarie, molte delle quali effettuate da banche spinte ad aumentare il capitale dalla pressione degli enti regolatori.

Le commissioni sulle Ipo, corroborate dalle maxi-operazioni di Agricultural Bank of China (1288.HK: Quotazione) (20,8 miliardi di dollari) e dalla britannica Vallar VAAR.L (1,04 miliardi), sono arrivate a valere 3,7 miliardi di dollari: più di cinque volte rispetto ai 706 milioni di commissioni nei primi sette mesi del 2009.

La parte del leone, fra le banche che hanno sottoscritto Ipo, convertibili e emissioni secondarie, la fa JP Morgan (JPM.N: Quotazione) che ha sottoscritto 185 operazioni per 35,3 miliardi di dollari. Goldman Sachs (GS.N: Quotazione) è la numero due con 128 deals per 31 miliardi, mentre Morgan Stanley (MS.N: Quotazione) è la terza, con 143 operazioni per 25,5 miliardi.