Accor divide hotel da servizi, cede asset non strategici

mercoledì 24 febbraio 2010 10:52
 

PARIGI, 24 febbraio (Reuters) - La francese Accor (ACCP.PA: Quotazione), quarto gruppo alberghiero al mondo, attivo anche nella fornitura di servizi prepagati, separerà le proprie attività nel corso dell'anno, cedendo al tempo stesso alcuni asset non strategici come le partecipazioni nei casinò.

La separazione vedrà il business degli hotel, che comprende la catena di lusso Sofitel e quelle economiche Ibis e Motel 6, assorbire la maggior parte del debito del gruppo, lasciando in un'entità separata la fornitura di servizi prepagati, come buoni per i pasti e per l'assistenza ai bambini.

Scopo della divisione è aiutare l'attività alberghiera a liberarsi di asset collaterali come il real estate e migliorare così la cassa. Al tempo stesso, la separazione dovrebbe dare al business dei servizi prepagati, ricco di liquidità, spazio e libertà per investire e crescere.

L'annuncio di Accor, che punta a entrare fra i tre principali gruppi alberghieri entro il 2015, arriva al termine di una chiusura 2009 che ha visto utili operativi e dividendi duramente colpiti dalla debolezza della domanda per i suoi hotel di fascia media e alta. L'utile netto è stato comunque superiore alle attese.

I due business saranno quotati separatamente da luglio, dopo un voto degli azionisti il 29 giugno.

Intorno alle 10,40 il titolo appare tonico alla borsa di Parigi, guadagnando oltre il 2,5% mentre l'indice Cac 40 .FCHI cede circa lo 0,2%.