Sia verso Ipo senza fretta, entra in mercato sconti digitali -AD

martedì 26 gennaio 2016 15:31
 

MILANO, 26 gennaio (Reuters) - Sia, società attiva nei sistemi di pagamento, ha avviato l'iter per la quotazione in borsa con i colloqui con le banche che potrebbero accompagnarla nell'Ipo ma non ha fretta di giungere a Piazza Affari.

A dirlo è l'AD Massimo Arrighetti in occasione della presentazione dell'acquisizione di Ubiq, start-up attiva nelle promozioni digitali con il Marchio T-Frutta.

"La quotazione è la naturale evoluzione del percorso della nostra società ma non abbiamo fretta. I tempi saranno di natura opportunistica" ha detto Arrighetti in un incontro con la stampa, confermando l'attuale fase di 'beauty contest' per la selezione dei global coordinator.

L'AD di Sia, in risposta a una domanda sullo stato delle trattative per l'acquisizione dell'inglese Vocalink, attiva nello stesso settore, ha spiegato che al momento la società "ha diversi dossier aperti".

L'attuale azionariato di Sia vede il Fondo Strategico Italiano (Fsi) al 49,48%, F2i al 17,05%, Orizzonte Sgr all'8,64%, Intesa Sanpaolo al 3,97%, UniCredit al 3,97%, Mediolanum al 2,85%, Deutsche Bank al 2,58% e Banco Popolare al 2,52%. Il Fondo Strategico Italiano, ha ricordato Arrighetti, "si è già detto disponibile a scendere sino al 15%".

Tornando a Ubiq, Sia ha acquisito il 51% direttamente e un'altra quota in aumento di capitale, salendo al 69%. Le parti non hanno reso noto il valore della transazione.

Ubiq, spin-off dell'Università di Parma, ha creato la app T-Frutta con cui i consumatori, dopo aver fatto la spesa in esercizi commerciali, hanno diritto a uno sconto in contanti sui prodotti di largo consumo acquistati e in promozione sulla app.

L'applicazione T-Frutta entra in concorrenza con il mercato dei coupon cartacei, che in Italia vale circa 70 milioni di euro.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia