Ipo Cerved, per retail scarsa domanda, bene istituzionali esteri

venerdì 20 giugno 2014 19:26
 

MILANO, 20 giugno (Reuters) - Nell'ambito dell'Ipo di Cerved, che si è chiusa il 18 giugno scorso, l'offerta retail ha registrato meno richieste rispetto alla quota riservata al pubblico indistinto mentre il collocamento istituzionale ha visto un interesse doppio.

Sui 96 milioni di azioni assegnate complessivamente (già calcolando l'opzione greenshoe) circa 2 milioni di azioni sono andate a investitori qualificati in Italia e 89,6 milioni a investitori istituzionali all'estero, a fronte di richieste da istituzionali per 183,9 milioni, si legge in una nota.

L'offerta retail, invece, ha registrato richieste per circa 4,3 milioni di azioni, tutte soddisfatte, contro un'offerta che arrivava al 10% dell'ammontare totale.

Il settore in cui opera Cerved, quello della business information, risulta infatti tipicamente di maggiore interesse per gli istituzionali ed è difficilmente spiegabile al pubblico indistinto, spiega una fonte vicina all'operazione.

Come già comunicato il giorno della chiusura dell'Ipo, l'oversubscription complessiva dell'operazione è stata pari a due volte l'offerta globale, al prezzo di 5,1 euro. Sulla base di tale valore, la capitalizzazione della società ammonta a 995 milioni di euro.

L'inizio delle negoziazioni sul Mta di Borsa Italiana è previsto per martedì 24 giugno.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia