Ipo Fincantieri, flottante fino 49,9%, ammontare opv da determinare - Mediobanca

venerdì 30 maggio 2014 19:19
 

MILANO, 30 maggio (Reuters) - Fincantieri punta ad approdare in Borsa con un flottante fino al 49,9% del capitale, derivante per un ammontare fino a 600 milioni dall'aumento di capitale e per un importo ancora da determinare dalla vendita di azioni da parte dell'azionista Fintecna (Cdp). La greenshoe sarà pari al 15% dell'offerta.

E' quanto si legge in uno studio di Mediobanca Securities, uno dei bookrunner dell'operazione.

Secondo una fonte di mercato la parte in vendita potrebbe invece arrivare fino a 400 milioni di euro.

"I proventi [dell'aumento] dovrebbero essere utilizzati per finanziare la crescita", spiega lo studio e sottolinea che il portafoglio ordini superiore agli 8 miliardi di euro avrà bisogno di risorse finanziarie per essere eseguito.

Il report mette in evidenza che Fincantieri è il maggior costruttore di navi in Europa e Stati Uniti in termini di ricavi, con un'attività molto diversificate.

L'acquisizione di Vard nel 2013 ha portato l'azienda a raddoppiare come dimensioni, con ricavi che a fine 2013 ammontavano a 3,8 miliardi e un Ebitda pari a 298 milioni. L'acquisizione ha però fatto sì che la posizione finanziaria netta passasse da positiva a negativa per 155 milioni di euro a fine 2013.

Lo studio di Mediobanca Securities spiega che "ci sarebbero significative opportunità di sinergie se Vard fosse posseduta al 100%, anche se abbiamo capito che l'acquisto delle minoranze nel breve termine non appare essere una delle priorità numero uno del gruppo, almeno per il momento".

Mediobanca non esprime una valutazione puntuale della società, ma delinea le varie metodologie di calcolo. In particolare individua come 'comparable' due diversi gruppi: uno che comprende società che usano fornitori esterni e gestiscono progetti complessi con un alto contenuto tecnologico destinati alla consegna con determinate scadenze e budget, tra cui Boeing, ABB e Airbus; e un secondo gruppo di costruttori navali, ma con diverse specializzazioni, e tra questi indica Hyundai Heavy, Samsung Heavy, Daewoo Shipbuilding, Bae Systems, Babcock, Keppel Corporation, Roll Royce, solo per riportare alcuni dei numerosi nomi citati.

(Elisa Anzolin)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia