16 aprile 2012 / 14:17 / 5 anni fa

Cucinelli, parte roadshow, con Ipo punta a internazionalizzazione

MILANO, 16 aprile (Reuters) - E' partito oggi il roadshow dell'offerta pubblica di sottoscrizione e vendita di Brunello Cucinelli, società del lusso specializzata in capi di abbigliamento in cashmere che con la quotazione sull'Mta di Borsa Italiana punta a rafforzarsi finanziariamente e diventare più internazionale.

"Ci quotiamo perchè ci immaginiamo che la nostra impresa possa essere più internazionale, più aperta e possa attrarre giovani manager", ha spiegato Brunello Cucinelli durante la conferenza stampa in occasione dell'avvio dell'Ipo, augurandosi che i soci diventino i "custodi" dell'azienda.

Il fondatore dell'azienda, che ricopre anche la carica di AD e presidente, ha evidenziato altri due motivi che lo hanno spinto a scegliere la quotazione: il rafforzamento dal punto di vista finanziario e il tema della successione.

"Vorremmo quotare la dignità umana" ha sottolineato Cucinelli, spiegando di voler portare in borsa "il made in Italy vero di grande qualità e artigianato, ma anche il rispetto per il lavoro".

Il road show, iniziato oggi nella cornice del Museo Diocesano a Milano, si concluderà il prossimo 27 aprile, giorno in cui sarà anche deciso il prezzo.

"Incontreremo l'80% di persone che abbiamo già incontrato", ha detto Cucinelli. L'impenditore ha infatti utilizzato un approccio abbastanza inconsueto verso gli investitori, invitandoli fin dallo scorso autunno a visitare l'azienda a Solomeo, in provincia di Perugia. "Abbiamo fissato in due minuti il (range di) prezzo con molto garbo", ha aggiunto.

Lo sbarco in Borsa è previsto per il prossimo 3 maggio.

Più nel dettaglio, il progetto di crescita dell'azienda prevede un incremento dei negozi monosale "pur avendo sempre attenzione per i multibrand".

L'imprenditore ha però sottolineato che non intende differenziare la sua collezione in relazione al paese e di ritenere che "un prodotto troppo distribuito sia meno interessante", ribadendo che non intende fare acquisizioni.

A chi gli chiedeva se la scelta di quotarsi in questo momento poco roseo per i mercati finanziari fosse opportuna, Cucinelli ha risposto che "l'azienda ha un piano industriale e non è interessata a cosa fa la borsa in sette o dieci giorni, ma a cosa fa in tre, cinque anni".

Per quanto riguarda l'andamento della società, che ha chiuso il 2011 con un fatturato di 243 milioni di euro e un utile di circa 20 milioni, il Cfo della società Moreno Ciarapica ha sottolineato che "i primi mesi del 2012 stanno andando bene, anche un filino sopra le aspettative". "Siamo fiduciosi che le stime degli analisti rappresentino anche le nostre" ha aggiunto.

Il range di prezzo dell'offerta è stato fissato tra 6,75 e 7,75 euro, che valorizza la società tra i 405 e i 465 milioni pre-aumento, tra i 459 e i 527 milioni dopo.

Stefano Rangone, responsabile dell'Equity Capital Market di Mediobanca, ha spiegato che sono stati due gli elementi fondamentali per determinare il range di prezzo: "la semplicità e la scarsità", in quanto si tratta di un "brand unico, con posizionamento chiaro e cristallino, che fa di Brunello Cucinelli una realtà rara, la nostra Hermes in Italia".

Mediobanca e Bofa Merrill Lynch sono i coordinatori dell'offerta globale. L'istituto di piazzetta Cuccia è inoltre responsabile del collocamento e sponsor.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below