RPT-Veneto Banca, non escluso intervento Atlante ad aumento, ma "consorzio c'è"-AD

martedì 19 aprile 2016 13:51
 

(Elimina refuso nella storia)

MILANO, 19 aprile (Reuters) - Veneto Banca non esclude che il fondo Atlante possa intervenire nell'aumento di capitale da 1 miliardo contestuale all'Ipo prevista per metà giugno ma dipenderà dalla situazione dei mercati nel prossimo mese, e comunque la banca può contare sul consorzio di garanzia guidato da Banca Imi.

Lo ha detto l'AD Cristiano Carrus a margine di un evento nell'ambito del consiglio nazionale della Uilca.

"Non escludo nulla. Al momento abbiamo un consorzio guidato da Banca Imi, che è stabile, sta lavorando nella preparazione del premarketing. Il consorzio c'è, Banca Intesa c'è", ha detto Carrus a chi gli chiedeva se Atlante possa intervenire nell'aumento di capitale.

"Non spetta a me commentare ma ho visto che hanno commentato sempre favorevolmente. Ovviamente deve passare ancora un mese di mercato, quindi vedremo che mercato ci aspetta", ha sottolineato spiegando che un quadro più chiaro sulla situazione si avrà dopo l'assemblea del 5 maggio.

Carrus ha inoltre ricordato che Banca Imi ha suddiviso la garanzia sull'aumento con altre nove banche e ha confermato la tempistica dell'operazione chiesta dalla Bce.

Subito dopo l'assemblea sul bilancio e il rinnovo del consiglio "cominceremo il premarketing auspicando di avere al contempo l'autorizzazione della Consob che per noi deve arrivare a maggio e subito faremo l'operazione. Andremo in borsa indicativamente a metà giugno".

Veneto Banca non parteciperà al fondo Atlante, ha infine confermato Carrus.

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia