30 marzo 2016 / 17:47 / tra 2 anni

Pop Vicenza, UniCredit potrebbe puntare a rinvio aumento capitale - fonti

di Paola Arosio e Andrea Mandala

MILANO, 30 marzo (Reuters) - Unicredit potrebbe cercare di rinviare l‘aumento di capitale di Pop Vicenza, per il quale ha fornito una garanzia, rispetto ai tempi attualmente previsti di fine aprile se le condizioni di mercato non miglioreranno.

Lo riferiscono tre fonti vicine alla situazione spiegando che la banca guidata da Federico Ghizzoni difficilmente si accollerebbe una quota consistente di Pop Vicenza. Eventualità che secondo gli analisti aumenterebbe il profilo di rischio del gruppo.

“Il ritardo è una possibilità”, dice una fonte che preferisce non essere citata sottolineando che nessuna decisione è stata ancora presa.

Come indicato dalla Bce, la popolare vicentina deve rafforzare il proprio capitale fino a 1,75 miliardi per riportare i coefficienti patrimoniali ai livelli di sicurezza.

La tempistica annunciata prevede il completamento dell‘aumento (da 1,5 miliardi a cui si aggiugono 150 milioni come opzione di sovrallocazione e altri 100 milioni circa per strumenti di fidelizzazione e incentivi) e la contestuale quotazione in borsa, entro la fine di aprile.

UniCredit ha sottoscritto un contratto di pre-garanzia lo scorso settembre impegnandosi a sottoscrivere l‘eventuale inoptato fino ad un massimo di 1,5 miliardi.

Per una delle fonti UniCredit potrebbe anche utilizzare le clausole, tipiche per questo tipo di contratti, che farebbero scattare la possibilità di rititarsi dall‘operazione.

“Nessuno garantisce niente se non ci sono le condizioni di mercato. Unicredit non intende diventare azionista della banca”, sostiene la fonte.

Il governo, che sta spingendo verso un consolidamento delle popolari anche per risolvere il problema del pesante fardello dei crediti deteriorati delle banche italiane, guarda con una certa preoccupazione al dossier, secondo le fonti. La riuscita dell‘operazione rappresenta anche un test cruciale sulla fiducia degli investitori nel comparto bancario e un eventuale fallimento avrebbe anche conseguenze a livello di sistema.

Secondo una delle fonti, il governo potrebbe intercedere con Bce per ottenere un allungamento dei tempi.

Dal Tesoro arrivano messaggi rassicuranti: “L‘operazione procede, il governo monitora ma non c‘è alcun elemento di preoccupazione”, ha detto una portavoce.

La nuova ondata di operazioni che stanno emergendo negli ultimi giorni - prima fra tutte la fusione tra Bpm e Banco Popolare, o anche l‘offerta del fondo Apollo per Carige - potrebbe contribuire a migliorare il sentiment di mercato verso il settore e favorire le condizioni per la riuscita della ricapitalizzazione di Pop Vicenza nei tempi previsti, suggerisce una delle fonte.

Secondo una fonte dell‘istituto berico il piano di aumento di capitale sta procedendo secondo la tempistica già annunciata. A fine febbraio la banca ha presentato la domanda di ammissione a quotazione e la richiesta di approvazione del prospetto dell‘offerta pubblica di sottoscrizione, sottolinea. “Si attendono i via libera delle Autorità di Vigilanza”, dice.

Ieri il Financial Times ha scritto che i vertici di UniCredit stanno dialogando con il governo italiano per ottenerne l‘appoggio sull‘aumento della Popolare Vicenza.

Nessun commento da UniCredit.

Anche Veneto Banca è alla prova del mercato con un aumento da un miliardo in rampa di lancio e la quotazione in borsa. L‘istituto di Montebelluna ha recentemente rivisto la tempistica indicando la conclusione dell‘operazione nella prima metà di giugno.

Carlo Messina, Ceo di Intesa Sanpaolo che, attravero Banca Imi, guida il consorzio di garanzia sull‘operazione, ha detto oggi che rispetterà il contratto.

Hanno collaborato Pamela Barbaglia, Valentina Za

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below