Poste, no cessione Banca Mezzogiorno e PosteMobile per Ipo -Caio

venerdì 24 luglio 2015 13:06
 

ROMA, 24 luglio (Reuters) - Il perimetro di Poste Italiane non si modificherà a causa della privatizzazione, perché Poste Mobile e Banca del Mezzogiorno non saranno vendute, ha detto oggi l'AD Francesco Caio.

"Poste Mobile e Banca del Mezzogiorno non verranno cedute: rimarranno all'interno del perimetro, focalizzate sulle rispettive attività", ha detto il manager a margine di una manifestazione, rispondendo a indiscrezioni di stampa su una possibile cessione.

Caio non è voluto entrare nel merito del valore a cui verrà messo sul mercato il 40% di Poste Italiane, spiegando che "il prezzo lo fa il mercato. Noi stiamo procedendo anche con il Tesoro e con gli analisti e i valori e le forchette si moltiplicheranno mano a mano che ci si avvicinerà al momento della quotazione".

Ieri il presidente di Poste Luisa Todini ha confermato che per la Ipo il filing alla Consob sarà entro il 10 agosto e che la quotazione avverrà ad ottobre per una quota che non andrà oltre il 40%.

(Alberto Sisto)

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia