Ipo, esordio debole per russa MegaFon dopo pricing a minimo range

mercoledì 28 novembre 2012 09:58
 

MOSCA, 28 novembre (Reuters) - Debutto amaro alle borse di Londra e Mosca per l'operatore di telefonia mobile russo MegaFon .

Dopo aver prezzato a 20 dollari i global depositary receipts (Gdr), ovvero al minimo della forchetta indicativa 20-25 dollari, MegaFon ha esordito in ribasso.

A Londra, la società russa è scivolata sino a 16,6863 dollari, restando sempre al di sotto del prezzo di Ipo. A Mosca le contrattazioni non sono ancora cominciate.

Il prezzo di collocamento valuta l'intero capitale di MegaFon 11,1 miliardi di dollari. L'Ipo ha fruttato a Alisher Usmanov, l'uomo più ricco della Russia, 1,7 miliardi di dollari.

MegaFon, terzo operatore di telefonia mobile nel paese guidato da Vladimir Putin, è la maggiore società russa a quotarsi da quando, nel 2010, Rusal è approdata a Hong Kong.

Il pricing e il debutto di MegaFon costituiscono un campanello d'allarme per Sea: la società aeroportuale italiana - che ieri ha depositato il supplemento al prospetto - chiuderà l'offerta, che dovrebbe farla atterrare a Piazza Affari, il 30 novembre.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia