Ipo interessanti in sem1 2013, anche del settore moda - Micciché

martedì 6 novembre 2012 13:15
 

* Quotazione a Milano "ha senso" per attirare istituzionali

* Loro Piana esclude Ipo, vede crescita ricavi 2012 a doppia cifra

MILANO, 6 novembre (Reuters) - Nei primi sei mesi dell'anno prossimo il mercato milanese sarà teatro di sbarchi in borsa di società appartenenti anche al settore della moda.

Parola di Gaetano Micciché, AD di Banca Imi, la investment bank di Intesa Sanpaolo di cui è direttore generale.

"Nel primo semestre del 2013 vi saranno quotazioni interessanti anche nell'ambito della moda", ha detto il manager a margine del convegno dedicato al lusso dal titolo "A tutta forza verso l'estero. Strategie e strumenti per accelerare lo sviluppo nei mercati internazionali".

Nonostante non sia avvenuta ancora nessuna formalizzazione, con l'approvazione dell'Ipo da parte del cda, "ci sono diverse aziende anche del settore moda che stanno progettando la quotazione e molte le stiamo seguendo noi", ha detto Micciché.

Le aspiranti matricole sono "aziende sane, che hanno una redditività significativa in grado di interessare investitori nazionali e internazionali", ha spiegato il manager ricordando recenti esempi di quotazioni di successo come Brunello Cucinelli , Salvatore Ferragamo e Prada

Per Micchiché ha ancora senso quotarsi a Piazza Affari, a dispetto della capitalizzazione risicata del mercato domestico, perchè "l'obiettivo è portare investitori istituzionali, non portare le aziende a quotarsi all'estero".

Della partita non sembra farà parte Loro Piana.   Continua...