Ipo, in 2007 aumento record, brilla Cina - studio Ernst & Young

mercoledì 19 dicembre 2007 15:56
 

MILANO, 19 dicembre (Reuters) - Nel 2007 i mercati azionari mondiali hanno registrato il numero record di 1.739 Ipo, con una raccolta di capitali pari a 255 miliardi di dollari. E' quanto emerge dal report "Global Ipo" pubblicato da Ernst & Young.

A trascinare il settore sono soprattutto i mercati emergenti che hanno registrato la maggior parte delle operazioni del 2007, con 14 delle "Top 20 Ipo", contro le 9 dello scorso anno.

L'area Bric - Brasile, Russia, India e Cina - ha raccolto ad oggi 106,5 miliardi di dollari con 382 Ipo, rispetto agli 89,6 miliardi e alle 302 operazioni dello stesso periodo del 2006. La Cina, in particolare, è il Paese che da solo ha generato il più alto numero di Ipo (209), rispetto a Russia, Brasile e India insieme (173).

A livello mondiale il primato per numero di collocamenti spetta alla Cina (209), seguita da Australia (189) e Stati Uniti (178).

I Paesi leader per quota di mercato in termini di capitale raccolto sono stati Cina (52,6 miliardi di dollari), Stati Uniti (38,7 miliardi di dollari) e Brasile (29 miliardi di dollari).

In linea con le attese, l'area Asia-Pacifico ha registrato il 46% delle Ipo globali, posizionandosi davanti al 35% della regione Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) e al limitato 14% del Nordamerica. Emea detiene la maggiore quota di mercato in termini di capitale raccolto (38%), seguita da Asia-Pacifico (32%), Nordamerica (16%) e America Latina (14%).

Per quanto riguarda i settori i risultati migliori sono quelli delle società finanziarie che hanno raccolto un quarto del capitale complessivo. A seguire l'industria e il mercato immobiliare.