PUNTO 1 - Prada dà via libera IPO coordinata da Imi, UBM e GS

mercoledì 19 dicembre 2007 15:16
 

(aggiunge dettagli e background dal terzo paragrafo)

MILANO, 19 dicembre (Reuters) - Il cda Prada ha approvato l'avvio dell'iter per la quotazione in Borsa Italiana del gruppo, decidendo anche la nomina degli adviser, annuncia una nota.

I prescelti sono Banca IMI (Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione)) UBM (CRDI.MI: Quotazione) e Goldman Sachs (GS.N: Quotazione) come Global Coordinators e Joint Book Runners del collocamento agli istituzionali, dice la nota, mentre una fonte finanziaria aggiunge il nome di Mediobanca scelta come adviser finanziario. Bonelli Erede Pappalardo sarà legal advisor per Prada SpA.

Come anticipato dalle indiscrezioni la quotazione è attesa nel 2008, mercati permettendo

Dopo aver completato la fase di riorganizzazione ed aver accresciuto la redditività e la posizione di leadership del gruppo, aggiunge nel comunicato l'AD Patrizio Bertelli, "ci avviamo a una nuova era nella storia del gruppo, con solido potenziale di crescita...già visto nei risultati del primo semestre 2007".

I conti dei sei mesi febbraio-luglio di Prada si sono chiusi con 811,5 milioni di euro di ricavi (+23% a cambi costanti) ed Ebitda in rialzo del 40% (proforma) a 140 milioni di euro. Per l'intero 2007 il gruppo annunciava in settembre di prevedere un miglioramento anche rispetto ai dati di piano di 280 milioni.

Prada aveva avviato una prima volta l'iter di quotazione nel 2001, ma la crisi dei mercati legata all'11 settembre aveva bloccato il compimento dell'operazione.