Ebay più conveniente per compratori che per venditori - studio

lunedì 28 gennaio 2008 13:55
 

SAN FRANCISCO (Reuters) - I compratori che acquistano attraverso le aste online organizzate da eBay risparmiano ogni anno miliardi di euro, secondo un nuovo studio che conclude che i benefici degli acquirenti sono molto più consistenti di quelli dei venditori o dell'organizzazione stessa di eBay.

La ricerca, basata sullo studio del comportamento degli utenti di eBay nel 2003 e compiuta da due esperti di statistica della business school Robert H. Smith dell'Università del Maryland, ha stabilito che nel 2003 i compratori hanno risparmiato circa 4,7 miliardi di euro che sarebbero altrimenti stati pronti a sborsare per comprare i prodotti a cui erano interessati.

Applicando lo stesso metodo di analisi ai dati relativi al 2004, secondo quanto dichiarato da uno degli autori dello studio, Wolfgang Jank, risulta che gli acquirenti avrebbero risparmiato 5,7 miliardi di euro circa.

Lo studio cerca di calcolare quello che gli economisti chiamano "surplus dei consumatori", ovvero la differenza tra il prezzo massimo che un acquirente è disposto a spendere e quello che realmente finisce per pagare.

I commerci via internet in generale, e in particolare il modo in cui sono strutturate le aste di eBay, costituiscono un patrimonio prezioso di dati che permette agli scienziati di testare le proprie teorie sul comportamento dei consumatori.

Nelle aste di eBay, il vincitore paga soltanto poco di più di quanto aveva offerto il secondo miglior offerente. La differenza tra il prezzo massimo fissato dal vincitore e quanto ha pagato realmente indica quindi il surplus del consumatore.

"Il surplus dei consumatori solitamente è molto difficile da calcolare", ha detto Galit Shmueli, un altro degli autori dello studio. "Il problema è solitamente riuscire a scoprire quanto un compratore sarebbe stato realmente disposto a spendere. Un commesso di un negozio non otterrebbe mai una risposta accurata se domandasse ai suoi clienti quanto sarebbero disposti a pagare per il prodotto che stanno comprando".

Durante la conferenza annuale tenuta la scorsa settimana, eBay ha annunciato alcune modifiche nelle regole che governano le aste in modo da farle divenire più convenienti per i venditori e per rendere più facile ai compratori di trovare ciò che cercano.

 
<p>L'amministratrice delegata di eBay Meg Whitman. REUTERS/Francois Lenoir</p>