Samsung +9% nel 2008 in vendite globali apparecchi mobile

martedì 17 giugno 2008 12:46
 

SINGAPORE (Reuters) - La sudcoreana Samsung Electronics ha detto oggi di aspettarsi una crescita globale del mercato degli apparecchi portatili pari al 9% nel 2008, e di aspettarsi di vendere 200 milioni di pezzi nel corso dell'anno.

Nello stesso mercato, anche Sony Ericsson ha annunciato previsioni di una forte richiesta concentrata nel secondo trimestre e nella seconda parte dell'anno.

"Ci aspettiamo che il volume globale del mercato 'mobile' nel 2008 si aggiri attorno a 1,2 miliardi di pezzi, registrando un +9% rispetto al 2007", ha spiegato a Reuters via mail Youngcho Chi, vice-presidente della divisione Mobile Communications di Samsung Electronics, il secondo produttore al mondo di apparecchi portatili.

"In tutto ciò, puntiamo a vendere 200 milioni di pezzi, con un aumento del 25% rispetto ai 161 milioni di pezzi venduti nel 2007", ha specificato Chi.

Samsung, che è al secondo posto dopo la finlandese Nokia nel mercato dei cellulari, ha venduto 46,3 milioni di cellulari nel primo trimestre.

La compagnia, che è anche primo produttore al mondo di memory chip, ha detto di aspettarsi che il mercato globale dei telefoni cellulari cresca del 4-5% nel secondo trimestre, rispetto al precedente.

Contestualmente Sony Ericsson ha fatto sapere di aspettarsi nel secondo trimestre e nella seconda parte dell'anno una forte richiesta di apparecchi portatili.

Il responsabile globale del marketing di Sony Ericsson, James Marshall, ha detto che l'azienda manterrà una previsione di crescita del 10% per quest'anno nel mercato.

"Le proiezioni per questo trimestre e per la seconda parte del 2008 sembrano molto consistenti, perciò manterremo le previsioni di crescita a un +10%", ha aggiunto.

Ad aprile, Sony Ericsson ha registrato un calo del 47% nei profitti del primo trimestre scendendo al quinto posto nel mercato globale complice anche un calo nella domanda dei suoi prodotti più costosi, quelli dotati di lettori musicali e macchina fotografica.

 
<p>Dipendenti di Samsung nella sede di Seoul. REUTERS/Jo Yong-Hak (SOUTH KOREA)</p>