La regina Elisabetta invita a ricordare gli emarginati

martedì 25 dicembre 2007 16:43
 

LONDRA (Reuters) - La regina Elisabetta, che ha festeggiato i 60 anni di matrimonio il mese scorso, oggi ha detto che la famiglia è il cuore della società e ha spinto ad una maggiore considerazione dei più emarginati.

Nel 50esimo anniversario del suo primo discorso di Natale alla nazione trasmesso in tv, la regina ha ricordato i morti e i feriti delle forze armate al lavoro in Iraq e Afghanistan.

"Per le loro famiglie, il Natale porterà tristi ricordi, e io prego per tutti voi, che avete perso i vostri cari, affinché troviate la forza e il conforto nelle vostre famiglie e nei vostri amici", ha detto la regina nel suo discorso, diffuso su YouTube.

"Nella mia esperienza, il valore positivo di una famiglia felice è uno dei fattori dell'esistenza umana che non sono cambiati. La famiglia composta dai nonni, genitori e figli è ancora il cuore della comunità", ha detto, mentre il suo discorso del '57 scorreva alle sue spalle.

Un nuovo Royal Channel è stato creato su YouTube, consentendo ai navigatori del Web di accedere ad un archivio di video storici.

La regina, che ha scritto il discorso di Natale da sola, registrandolo in presa diretta, ha detto che tutte le religioni del mondo devono pendersi cura dei più emarginati.

"Per queste persone il mondo moderno può apparire un luogo ostile", ha detto.

"Fortunatamente ci sono molti gruppi e individui che lavorano per assicurarsi che agli 'outsider' sia data una chance di essere riconosciuti e rispettati".

 
<p>La regina Elisabetta alla messa di Natale a Norfolk, nell'Inghilterra orientale. REUTERS/Toby Melville</p>