New York approva legge su classificazione video game

mercoledì 23 luglio 2008 11:28
 

NEW YORK (Reuters) - I videogame venduti nello stato di New York dovranno chiaramente indicare il rating per il contenuto violento, secondo una nuova legge approvata ieri e che i gruppi per i diritti civili hanno criticato come incostituzionale.

La New York Civil Liberties Union ha detto di aver in programma una causa legale contro la legge, firmata ieri dal governatore di New York David Paterson, sui timori per la libertà di espressione.

Il gruppo sostiene che leggi simili in California, Illinois, Michigan, Minnesota e Washington sono state annullate perché trovate incostituzionali.

L'industria Usa del videogame prevede il rating su base volontaria, e il sistema è simile al rating dei film.

La nuova legge rende invece obbligatorio per i giochi la classificazione e richiede che le nuove console di videogame siano installate con il parent-control entro il 2010.

"Questa legge fornirà informazioni ed educherà i consumatori a fare le scelte migliori per i loro figli", ha detto il senatore Andrew Lanza.

La legge prevede anche una commissione che studi "le connessioni tra i media interattivi e la violenza nella vita reale nei minori esposti a questi media" e la valutazione dei rating emessi dall'Entertainment Software Ratings Board.

 
<p>Il videogame "Halo Wars" in mostra al "2008 E3 Media &amp; Business Summit" di Los Angeles, luglio 2008. REUTERS/Mario Anzuoni (Usa)</p>