Tlc, Ue armonizzerà il 'decollo' dei cellulari in aereo

lunedì 7 aprile 2008 12:31
 

BRUXELLES (Reuters) - La frase "Tesoro, sono in aereo" è destinata ad essere pronunciata sempre più spesso in volo dal momento che oggi la Commissione Europea ha svelato i provvedimenti in cantiere - che riguarderanno tutti i 27 stati membri - per permettere le chiamate a bordo.

L'esecutivo Ue armonizzerà il regolamento pan-europeo per le comunicazioni via cellulare in aereo e così i passeggeri potranno effettuare e ricevere telefonate, sms e mail, secondo quanto ha rivelato una fonte della Commissione.

Lo scopo - mentre cominciano a diffondersi le chiamate "dall'alto" - è di arrivare ad una regolamentazione comune e onnicomprensiva evitando un miscuglio di approcci diversi da stato a stato.

Il commissario europeo alle Telecomunicazioni Viviane Reding è già intervenuta per fissare un tetto alle tariffe delle chiamate via cellulare da terra, e vuole assicurare che anche chi chiama dai cieli non sarà truffato.

Secondo la fonte non è in progetto un tetto per la tariffazione, ma Reding terrà gli occhi ben aperti su come il mercato si evolverà.

Le sue misure armonizzeranno e semplificheranno i requisiti tecnici per l'uso di cellulari e i criteri secondo cui gli stati Ue garantiranno le licenze nazionali alle compagnie aeree.

L'ultima parola sull'uso dei telefoni a bordo spetterà comunque alle compagnie, non alla Commissione.

 
<p>Il commissario europeo per le Telecomunicazioni Viviane Reding. REUTERS/Francois Lenoir</p>