Microsoft, c'è ancora speranza che formato XML diventi standard

lunedì 25 febbraio 2008 13:43
 

GINEVRA (Reuters) - Microsoft preme perché il suo formato per documenti Office Open XML diventi uno standard internazionale, una proposta oggi tornata al vaglio dei delegati di 37 paesi.

Il meeting di una settimana presso la International Organisation for Standardisation (Iso) ha lo scopo di trovare un'intesa dopo il voto preliminare di sei mesi fa risultato sfavorevole per Microsoft, che ha ottenuto solo il 53% dei consensi.

Non ci saranno votazioni durante il meeting, ma gli 87 enti che si occupano di standard nazionali e che hanno già votato in precedenza potranno eventualmente cambiare le loro posizioni entro il 29 marzo: il maggior produttore di software del mondo ha così un'altra possibilità di raggiungere la maggioranza di due terzi richiesta per la standardizzazione.

"I membri dell'Iso che hanno votato la bozza a settembre avranno 30 giorni per cambiare il loro voto se lo desiderano", ha spiegato Roger Frost, portavoce dell'agenzia di Ginevra.

Gli oppositori dell'Open XML, formato di default per il salvataggio di file in Microsoft Office 2007, sostengono che non c'è bisogno di un ulteriore standard oltre al diffusissimo Open Document Format (ODF), che è già standard internazionale, usato ad esempio da OpenOffice e sostenuto da Ibm e Sun Microsystems.

Sostengono inoltre che le 6.000 pagine di codice del prodotto Microsoft, paragonate alle 860 di ODF, lo rendono molto complicato e "intraducibile" da un software all'altro.

Ma Microsoft sostiene che nel settore del software è normale avere più standard, che la concorrenza porta a prodotti migliori e che il suo formato ha specifiche maggiori ed è più pratico di ODF.

 
<p>Bill Gates in una foto d'archivio. REUTERS/Robert Galbraith (UNITED STATES)</p>