Hacker accusa News Corp di averlo assunto per software pirata

giovedì 24 aprile 2008 19:20
 

SANTA ANA, California (Reuters) - Un hacker ha testimoniato oggi davanti a un tribunale californiano dicendo di essere stato assunto da una divisione della News Corp per sviluppare un software pirata, ma ha negato di averlo usato per introdursi nel sistema di sicurezza di un servizio televisivo satellitare rivale.

Christopher Tarnovsky ha testimoniato in un processo per spionaggio industriale intentato contro la divisione Nds di News Corp da Dish Network Corp e ha detto di essere stato pagato con una somma iniziale di 20.000 dollari in contanti, spediti per posta dal Canada.

La causa potrebbe portare a un risarcimento danni del valore di centinaia di milioni di dollari.

Gli avvocati di Dish Network sostengono che la mansione di Tarnovsky fosse quella di introdursi nel network satellitare di Dish e rubarne il codice di sicurezza, per poi immettere sul mercato delle smart card pirata rischiando di far perdere a Dish 900 milioni di dollari in profitti e costi per la riparazione dei danni.

Nds, fornitore di tecnologie di sicurezza per un network satellitare globale che include il servizio Direct Tv, ha respinto le accuse.

Tarnovsky ha dichiarato alla corte di essere stato regolarmente pagato per dieci anni da Harper Collins, ramo editoriale di News Corp, e che uno dei suoi compiti era lo sviluppo di un programma pirata finalizzato a rendere Direct Tv più sicuro.

Il processo dovrebbe concludersi entro tre settimane.