Germania, in tribunale lite su paternità dopo asta sesso su Web

mercoledì 13 febbraio 2008 18:26
 

BERLINO (Reuters) - In Germania una donna rimasta incinta dopo un'asta sessuale online ha vinto una battaglia legale per obbligare il sito Web che ha ospitato la vendita a rivelare i nomi dei vincitori cosicché lei possa scoprire chi è il padre.

Sei diversi uomini hanno vinto le varie aste che offrivano sesso con la donna tra l'aprile e il maggio del 2007. Lei li conosceva solo con i nomi che usavano online, come ha spiegato oggi un portavoce del tribunale di Stoccarda.

"La donna voleva scoprire quale degli uomini l'ha messa incinta", ha raccontato il portavoce. "Così aveva bisogno di conoscere in dettaglio i loro recapiti. Naturalmente se non vorranno procedere col test del dna dovrà riportarli in tribunale".

La donna ha chiesto al gestore del sito di rivelare la vera identità degli uomini ma questo ha rifiutato, citando una clausola di riservatezza presente tra le sue condizioni e i suoi termini.

La corte ha deciso in suo favore, spiegando che il diritto del bambino di conoscere il padre ha la precedenza. Non ha però rivelato età e nazionalità della donna.