Cerchi un mentore?Da oggi lo puoi trovare su siti social network

venerdì 22 febbraio 2008 10:59
 

LONDRA (Reuters) - "Lavenderblu" era una ragazzina quando ebbe il primo assaggio di violenza domestica.

Dopo aver sofferto per le botte di suo padre e aver assistito a ripetute violenze su sua madre si era imbarcata lei stessa in una relazione violenta prima di riuscire finalmente a partire e trovare rifugio presso un gruppo di supporto femminile.

Ora, a 40 anni, è una delle molte guide del sito di social network Horsesmouth (www.horsesmouth.co.uk), organizzato per mettere in contatto chi cerca consiglio con qualcuno che possa darglielo.

Lanciato solo un mese fa, il sito ha già 20.000 utenti e mette a disposizione dei "mentori" per discutere di una vasta gamma di argomenti, da come aprire un'impresa a come ci si sente indossando il velo islamico per la prima volta.

Lanciando il servizio l'ideatrice MT Rainey si è prefissa di portare una "finalità" sul Web. "Nessuno creava siti di social network per il bene collettivo", ha detto la donna a Reuters in un'intervista. "Volevo creare qualcosa... che permettesse interazioni utili online".

Ha spiegato che le persone che attraversano delle difficoltà hanno bisogno di parlare, spesso con qualcuno che conosce la situazione e magari si è trovato nei loro panni in passato.

The Horsesmouth è uno dei molti siti di "guida" che sono fioriti ultimamente.

"Le comunità reali di aggregazione su base geografica si stanno estinguendo e le persone con il Web creano comunità di interesse", ha spiegato Rainey.

Altri siti con funzionamento simile sono imantri.com, score.org, micromentor.org e linkedin.com.

 
<p>Un Internet point. REUTERS PICTURE</p>