Artisti in erba su Web hanno spazio su Lulu, Blurb e CreateSpace

venerdì 1 febbraio 2008 18:36
 

LOS ANGELES (Reuters) - Il mercato per gli artisti in erba non è mai stato così pieno di vita grazie a siti Web che permettono loro di raggiungere pubblici adoranti seppur esigui.

Cattive esperienze con l'industria libraria, cinematografica e musicale mainstream hanno portato alcuni imprenditori a lanciare siti di "autopubblicazione" come Blurb.com, CreateSpace.com e Lulu.com nella speranza di evitare agli altri artisti la sofferenza del rifiuto.

Bastano meno di 20 dollari e un paio d'ore online per avere una copia delle proprie memorie, libri di cucina o album di fotografie e poterla vendere in tutto il mondo.

Il prezzo cresce a seconda del numero di pagine, dell'uso dei colori e della copertina.

LULU.COM

Bob Young, il giovane co-fondatore ed ex Ad del distributore di Linux Red Hat, cercava una seconda possibilità quando ha dato il via alla sua iniziativa nel 2003.

Il suo libro "Under the Radar" aveva venduto 20.000 copie ma gli aveva fruttato solo 2.311 dollari tolti i costi.

Young decise di aiutare autori con pubblici esigui a portare i loro lavori sul Web.

Lulu.com potrebbe anche essere il "peggior editore al mondo di cattiva poesia", come dice Young, ma a volte riesce a mettere in contatto i fan con opere che non si troverebbero nelle librerie.   Continua...