Giochi online, Svezia e Germania nel mirino della Commissione Ue

giovedì 31 gennaio 2008 16:49
 

BRUSSELS (Reuters) - La Commissione europea ha avviato delle procedure contro Germania e Svezia oggi nell'ambito di un più ampio impegno per rimuovere gli ostacoli alla concorrenza da società straniere nel settore dei giochi online.

Il commissario europeo al Mercato Interno Charlie McCreevy ha richiesto alla Germania informazioni così che Bruxelles possa valutare se il trattato entrato in vigore questo mese che proibisce il gioco d'azzardo online sia in linea con le regole dei 27 sul libero movimento dei servizi.

Società come bwin e Unibet sono soggette a limitazioni quando puntano a clienti in molti stati Ue, incluse Germania e Svezia dove il gioco non è vietato.

"La Germania ha due mesi per rispondere. La Commissione spera che le risposte che riceverà porteranno a una soluzione rapida e soddisfacente della faccenda", ha spiegato la Commissione in una dichiarazione.

In particolare nel mirino della Commissione ci sono la totale proibizione del gioco d'azzardo sul web, soprattutto le scommesse sportive, le restrizioni pubblicitarie in televisione, su Internet o sui manifesti e il divieto di istituzioni finanziarie che si occupino del pagamento delle scommesse.

La Commissione inoltre ha avviato una procedura contro la Svezia per verificare se tutte le misure relative al poker e ai tornei siano compatibili con le leggi europee sulla libera circolazione dei servizi. Stoccolma ha due mesi per rispondere.

 
<p>Immagine d'archivio di un sito Web di giochi d'azzardo. REUTERS/Toby Melville (BRITAIN)</p>