Olimpiadi, Rogge preme perché Cina garantisca libero uso media

giovedì 10 aprile 2008 16:51
 

PECHINO (Reuters) - Jacques Rogge - presidente del Comitato Olimpico Internazionale - ha chiesto oggi che la Cina dia piena applicazione alla legislazione che regola i media stranieri il prima possibile.

Nel gennaio del 2007 la Cina ha introdotto una regolamentazione sui mezzi di comunicazione per le Olimpiadi di Pechino, ma ci sono ancora restrizioni per i media stranieri che volessero fare reportage dal Tibet o dalla regione occidentale dello Xinjiang.

"Abbiamo chiesto ai cinesi di promulgare la legge sui media, e l'hanno fatto", ha detto Rogge - che ha incontrato il premier cinese Wen Jiabao oggi - durante una conferenza stampa.

"Sappiamo che l'applicazione della legge non è perfetta, ci sono dei buchi. Ho chiesto alle autorità di applicare completamente la legge sui media... e ho chiesto che venga fatto il prima possibile".

I media stranieri non hanno potuto andare in Tibet e in altre regioni con minoranze tibetane dopo le rivolte di metà marzo.

Pechino, da città che ospita le Olimpiadi, si è impegnata a garantire ai media la stessa libertà che avevano avuto negli ultimi Giochi.

Rogge ha anche detto che durante le Olimpiadi i media avranno libero accesso a Internet senza censure.

 
<p>Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale Jacques Rogge durante la conferenza stampa di Pechino del 10 aprile 2008. REUTERS/Jason Lee</p>