27 maggio 2010 / 08:55 / 7 anni fa

Pakistan sblocca in parte l'accesso a YouTube

<p>Alcuni pakistani manifestano ad Islamabad contro il concorso online di disegni di Maometto. REUTERS/Faisal Mahmood (PAKISTAN - Tags: CIVIL UNREST POLITICS RELIGION MEDIA)</p>

ISLAMABAD (Reuters) - Il Pakistan ha in parte sbloccato l‘accesso al popolare sito di condivisione video YouTube, ma i collegamenti a “materiale sacrilego o profano” rimarranno vietati, ha detto oggi un funzionario governativo.

Il Pakistan aveva bloccato l‘accesso a YouTube la settimana scorsa nel tentativo di contenere contenuti considerati blasfemi, il giorno dopo aver vietato l‘accesso al sito di social networking Facebook a tempo indefinito per via di una competizione online tesa a ritrarre il profeta Maometto, cosa vietata dalla religione musulmana.

“Abbiamo tolto il blocco solo a quella parte che non propone alcun contenuto sacrilego o profano”, ha detto a Reuters Naguibullah Malik, segretario dell‘Informazione Tecnologica e Telecomunicazioni.

Ma mentre molti dei video collegati alla competizione restano bloccati, altri erano accessibili in Pakistan questa mattina.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below