Traguardo storico su iTunes per il creatore di "American Idol"

lunedì 10 maggio 2010 10:56
 

di Jill Serjeant

LOS ANGELES (Reuters) - Simon Fuller, il creatore del talent show "American Idol", ha raggiunto un traguardo "storico" di vendite di musica in formato digitale.

In un tempo di crisi del settore audiovisivo, il gruppo di cantanti gestiti dalla società di Fuller, la 19 Entertainment, ha venduto 160 milioni di brani su iTunes, come riferisce la stessa società. Tra loro, alcuni artisti saliti alla ribalta proprio grazie allo show televisivo di Fuller, come Kelly Clarkson e Carrie Underwood, ma anche nomi affermati come quelli della cantante inglese Annie Lennox o delle Spice Girls.

Fred Bronson del settimanale americano di musica Billboard ha definito il traguardo dei 160 milioni di titoli venduti su iTunes come "storico", in un decennio che ha visto le vendite discografiche crollare e le più economiche vendite di brani digitali in espansione.

"Lui è senza dubbio il più grande manager dell'era digitale", ha detto Bronson.

L'imprenditore inglese unì "American Idol" con iTunes fin dal lancio del negozio di brani musicali della Apple nel 2003, deciso a sfruttarne il potenziale per far valere in maniera remunerativa il grande successo dello show televisivo, seguito ogni settimana da decine di milioni di fan.

"Ho sentito che c'era una vera sinergia tra quello che faccio io, ovvero lanciare nuovi artisti e show televisivi, e quello che fa iTunes, ovvero vendere musica in modo immediato e interattivo", ha detto alla Reuters Fuller in una delle poche interviste che rilascia.

Secondo l'Ifpi, che raggruppa sigle discografiche in tutto il mondo, le vendite di musica su supporti fisici sono calate del 12,7 % in tutto il mondo nel 2009, mentre le vendite della musica digitale sono salite del 9,2 % a 4,3 miliardi di dollari annui, 10 volte il valore del mercato digitale nel 2004.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>I 12 finalisti del talent "American Idol" ideato da Fuller REUTERS/Mario Anzuoni</p>