Apple lancia l'iPad 3G negli Usa

sabato 1 maggio 2010 10:31
 

SAN FRANCISCO (Reuters) - Nella seconda fase di lancio, Apple ha iniziato da ieri a vendere la versione più costosa e con wireless ad alta velocità dell'iPad negli Stati Uniti, dopo il successo nel lancio del tablet Wi-Fi all'inizio di aprile.

Benché l'evento non abbia avuto l'eccitazione del debutto del 3 aprile scorso, alcuni negozi Apple nella grandi città sono stati invasi dalla folla in vista del lancio delle cinque del pomeriggio.

Nel centro di San Francisco, circa 75 persone sono rimaste in coda per 90 minuti prima che l'iPad 3G venisse messo in vendita.

Diverse persone hanno detto di aver atteso per la versione più costosa del tablet perché lo considerano un potenziale sostituto dei loro laptop, almeno in certe situazioni.

"Lo porterò con me ovunque, già porto il mio laptop ovunque, e alla fine rimpiazzerà il mio laptop in molti casi", spiega il 22enne Long Nguyen, che lavora nel settore tecnologico ed era il primo della fila.

Il prezzo modello 3G model -- che è anche compatibile col Wi-Fi -- parte da 629 dollari e arriva a 829. L'iPad solo Wi-Fi parte da 499 dollari.

L'iPad touchscreen da 9,7 pollici è essenzialmente un incrocio tra un laptop e uno smartphone. E' utile per video, giochi, libri elettronici e la navigazione Web.

Ma alcuni sperano che sia utile anche il lavoro, visto che è sottile e leggero.

AT&T fornirà il servizio dati per l'iPad, con un abbonamento di 29,99 dollari al mese per accesso illimitato.

Apple ha venduto 300.000 iPad nel week end di lancio del 3 aprile e circa mezzo milione di unità nella prima settimana. Nonostante il dispositivo non raggiungerà i mercati internazionali fino alla fine di maggio, alcuni analisti si aspettano che Apple venderà circa 5 milioni di pezzi quest'anno.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>L'Ad di Apple, Steve Jobs, parla dell'iPad in un evento speciale nella sede di Cupertino, California, 8 aprile 2010. REUTERS/Robert Galbraith</p>