Un lavoro nei videogame potrebbe non essere un sogno virtuale

giovedì 29 aprile 2010 14:10
 

LOS ANGELES (Reuters) - Se il vostro sogno è lavorare nel mondo dei videogame, allora il futuro è brillante, visto che l'industria dei giochi punta ad aumentare gli impieghi, malgrado gli stipendi restino piatti.

"Le assunzioni sono aumentate dall'anno scorso, ma il mercato è irregolare", dice Marc Mencher, presidente di Gamerecruiters.com.

"Sfortunatamente, abbiamo circa 12.000 disoccupati nel segmento giochi nord americano. Ma con la forte crescita nell'Mmo (Massively multiplayer online) e nel segmento dei social game, vediamo una ripresa nelle assunzioni".

Gli stipendi però devono ancora salire mentre l'industria inizia a riprendersi, dopo che l'anno scorso le vendite di videogame sono scese dell'8% negli Usa a causa della crisi finanziaria globale.

Il nono sondaggio sugli stipendi degli sviluppatori dei giochi redatto da Game Developer Research ha scoperto che il salario medio americano nei videogame nel 2009 è stato di 75.573 dollari, in calo di oltre il 4% dal dato di 79.000 dollari del 2008.

"Globalmente, i salari nel mondo dei videogame sono saliti del 24% da una media di 60.833 nel 2001, primo anno in cui abbiano iniziato a studiare gli stipendi degli sviluppatori", spiega Chris Remo, co-direttore di Game Developer Research e Editor-at-Large di Gamasutra.com.

"Per la maggior parte da allora, sono saliti o rimasti piatti anno-su-anno, con l'unica eccezione dell'anno scorso e dell'1% di calo dal 2005 al 2006".

"Non è insolito per uno sviluppatore di giochi un reddito tra gli 80.000 e i 150.000 dollari all'anno", spiega Peter Raad, direttore esecutivo della Guildhall at Southern Methodist University. "Quei soldi arrivano da tre diversi piani: il salario base, la condivisione degli utili e bonus legati a giochi specifici".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Reparto videogiochi di un negozio di elettronica, foto d'archivio. REUTERS/Yuriko Nakao</p>