Senatori Usa chiedono a Facebook maggior tutela della privacy

martedì 27 aprile 2010 22:19
 

WASHINGTON (Reuters) - I parlamentari Usa hanno detto oggi a Facebook di essere preoccupati per i cambiamenti in materia di privacy, per cui le informazioni personali saranno disponibili non solo agli amici e parti terze potrebbero archiviare informazioni su utenti di Facebook e loro amici.

In una lettera inviata all'amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, datata 27 aprile i senatori Charles Schumer, Michael Bennet, Mark Begich e Al Franken contestano i cambiamenti che rendono disponibili pubblicamente dati circa la città in cui si trova un utente, quella in cui è domiciliato, i suoi gusti e interessi ed i suoi amici, cose che prima erano visibili soltanto agli amici.

Hanno criticato il fatto che i cambiamenti consentirebbero a parti terze inserzioniste di Facebook di archiviare dati sugli utenti per oltre 24 ore e ad un bottone Facebook "mi piace" su siti web come CNN.com, Pandora ed Espn di condividere le informazioni con amici di Facebook.

"Siamo preoccupati ... che questa funzione consenta a parti terze di aver accesso non solo alle informazioni del profilo pubblico di un utente ma anche alla lista di amici dell'utente e alle informazioni pubblicamente disponibili di questi amici", hanno scritto i senatori.

Facebook has circa 400 milioni di utenti.

I senatori hanno detto che la Federal Trade Commission (Ftc) esaminerà probabilmente la questione.

"Nel frattempo, crediamo che Facebook possa intraprendere passi per alleviare le preoccupazioni dei suoi utenti", hanno scritto.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Due studenti mostrano una loro foto su Facebook FACEBOOK-RELATIONSHIPS/ REUTERS/Jonathan Ernst</p>