Sistema password di Google violato dagli hacker, scrive NYT

martedì 20 aprile 2010 10:47
 

NEW YORK (Reuters) - Un cyber-attacco contro Google è riuscito a dicembre a penetrare il sistema di gestione password, usato ogni giorno da milioni di persone in tutto il mondo per avere accesso a quasi tutti i servizi online della società.

La notizia è stata diffusa oggi dal New York Times, che cita una persona direttamente coinvolta nelle indagini sulla vicenda.

Il programma di massima sicurezza è considerato il cuore di Google, permettendo a utenti e impiegati di accedere con la propria password solo una volta per usare diversi servizi, come la mail e le applicazioni commerciali.

Il software denominato "Accesso unico", tuttora in uso, è stato descritto pubblicamente solo una volta nell'ambito di una conferenza tecnica di quattro anni fa.

Secondo il giornale, non sembra che gli intrusi abbiano sottratto delle password di utenti Gmail, e Google avrebbe subito rinforzato i sistemi di sicurezza. Ma alcuni esperti ritengono che l'episodio evidenzi comunque che potrebbe esserci una falla nel sistema.

Google ha reso noto l'attacco il 12 gennaio, quando ha dichiarato sul suo sito di aver scoperto "un attacco altamente sofisticato mirato alla nostra infrastruttura proveniente dalla Cina, che ha avuto come risultato il furto di proprietà intellettuale appartenente a Google".

La società di Mountain View, in California, ha aggiunto che l'attacco sembrava indirizzato contro degli attivisti per i diritti umani cinesi, e che solo due account di Gmail risultavano violati.

Dopo aver scoperto gli attacchi, Google ha dichiarato di voler interrompere qualsiasi censura nelle ricerche sul suo motore cinese. In marzo, la società ha deciso di chiudere del tutto il portale per la Cina Google.cn, reindirizzando tutti gli utenti a quello di Hong Kong.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Una guardia di sicurezza guarda dei giornalisti dall'interno della sede di Google China a Pechino REUTERS/David Gray</p>