Telefonia, raffica di multe a operatori da parte di Agcom

venerdì 16 aprile 2010 18:22
 

ROMA (Reuters) - Una raffica di multe è stata decisa dall'Autorità per le telecomunicazioni agli operatori che non forniscono adeguata assistenza gratuita ai propri clienti o che rendono poco trasparenti i processi di mobilità fra le diverse compagnie telefoniche.

Le ha decise l'Agcom nel corso dell'ultima riunione del consiglio.

Multe per complessivi 290.000 euro a carico di Telecom Italia, Wind Telecomunicazioni, Fastweb, Tiscali Italia e Opitel-Tele2 perchè gli operatori di call center non declinavano le proprie generalità e non indicavano ai clienti i numeri delle pratiche

La nota spiega che "la disciplina dell'Autorità stabilisce infatti che l'utente ha diritto, quando chiama il call center di un operatore, di conoscere l'identificativo della sua pratica nonché dell'operatore che risponde, al fine di evitare inutili e dispendiose chiamate senza esito".

L'Autorità ha inoltre sanzionato la società H3G con una multa di 58.000 euro "dopo aver accertato che la società non fornisce assistenza telefonica gratuita ma addebita un costo di 0,33 euro. Il Consiglio ha deciso di diffidare H3G dalla prosecuzione di tali comportamenti".

L'Agcom ha anche contestato altri comportamenti illegittimi ad operatori di telecomunicazioni. In particolare, sono state "comminate sanzioni per: la mancata interruzione del processo di portabilità nonostante l'esercizio del diritto di recesso nei termini e nelle modalità di legge. La sanzione di 290.000 euro è stata irrogata a BT Italia (232.000 euro) per quattro casi di violazione accertata e Wind Telecomunicazioni (58.000 euro) per un caso di violazione accertata".

Sempre Wind è stata sanzionata per altri 58.000 euro per "un passaggio ad un altro operatore in assenza della preventiva acquisizione del consenso del titolare della linea".

Visitel (58.000 euro) e Unidata (58.000 euro) sono state multate "per la mancata comunicazione dell'indirizzo Internet relativo ai piani tariffari e alle relative condizioni contrattuali e la mancata pubblicazione sul sito web della società dell'elenco delle offerte vigenti".

Una multa da 120.000 euro è stata invece inflitta a Noatel per "la fornitura di servizi a sovrapprezzo attraverso l'utilizzo di numerazioni diverse da quelle stabilite dal Piano di numerazione"..

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>A visitor looks at a ZTE U700 mobile displayed at a showroom in Shenzhen REUTERS/Tyrone Siu</p>