Web, editori vedono un'opportunità di prezzo con l'iPad

martedì 6 aprile 2010 11:38
 

NEW YORK (Reuters) - L'iniziale successo del nuovo iPad di Apple potrebbe essere una grande notizia per gli editori che cercano negozi online, ma i consumatori potrebbero trovarsi a pagare un po' di più per i loro scrittori preferiti.

Apple ha annunciato ieri di aver venduto più di 300.000 iPad solo sabato, giornata del lancio, e che gli utenti hanno già scaricato oltre 250.000 libri dal suo iBookstore nel primo giorno.

Questi primi numeri sottolineano l'enorme potenziale di un dispositivo che potrebbe aiutare a espandere l'editoria elettronica, guidata dall'e-book Kindle di Amazon.com.

"Ci sono solo una manciata di società che hanno 100 milioni di clienti o più. Apple è una di queste", spiega Brian Murray, amministratore delegato di HarperCollins, controllata da News Corp.

L'arrivo di Apple ha già dato ad Amazon una concorrenza reale e la modifica delle regole.

In ogni caso, la crescente competizione potrebbe far alzare i prezzi invece che diminuirli, mentre gli editori e i produttori dei dispositivi tentano di accordarsi su modelli di business che siano profittevoli per entrambi.

A gennaio, Amazon aveva brevemente rimosso i titoli di Macmillan dal suo sito, dopo che l'editore aveva annunciato l'intenzione di fissare prezzi più alti per i suoi libri rispetto allo standard di 9,99 dollari fissato dal sito.

Altri editori hanno seguito con richieste simili e Apple si è avvantaggiata dell'opportunità.

Editori come Murray di HarperCollins sono infatti arrivati a un accordo con Apple in base al cosiddetto "modello agenzia" piuttosto che sul "modello rivenditori". Ciò significa che gli e-book venduti via iBookstore avranno un prezzo più flessibile, con bestseller che andranno dai 12,99 e i 14,99 dollari o oltre, contro il prezzo standard di 9,99 che Amazon aveva negoziato per il lancio del suo Kindle nel 2007.

Adesso Amazon, in un segnale che dimostra come senta la concorrenza, si è accordata per contratti flessibili simili con gli editori.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Uno dei primi clienti del nuovo iPad di Apple al suo lancio a San Francisco. REUTERS/Robert Galbraith</p>