31 marzo 2010 / 09:41 / 7 anni fa

EBay cambia nome a suo servizio Usa Kijiji sfidando Craiglist

<p>Foto d'archivio. Insegna di EBay davanti al quartier generale di San Jose, California.Robert Galbraith</p>

di Alexandria Sage

SAN FRANCISCO (Reuters) - EBay sta rinominando con nuovo marchio il suo servizio di annunci Kijiji negli Usa come eBayClassifieds.com, nel tentativo di contendere a Craigslist.com il ruolo di leader nel campo delle inserzioni a livello mondiale.

"E' una gara in corso tra Craigslist ed eBay," dice l'analista Bgc Partners Colin Gillis. "E' la differenza tra avere un marchio secondario e il giocare con abilità il marchio principale".

EBay è diventato l'attore principale a livello globale nel campo delle inserzioni online acquisendo diversi servizi specializzati in giro per il mondo, ma fatica a scalzare Craigslist dal primo posto negli Usa.

EBay non comunica i risultati delle sue diverse divisioni, ma i profitti per la sua attività complessiva nelle inserzioni sono aumentati del 20% su anno nel suo ultimo trimestre.

EBay ha anche detto di aver lanciato la sua applicazione per iPhone di Apple per eBayClassifieds.com, ed una versione aggiornata per i suoi siti che consentono di vendere. Una versione precedente permetteva soltanto di comprare.

La notizia del cambio di marchio di Kijiji è stata sepolta in un comunicato stampa che parlava delle nuove applicazioni per i telefonini.

Kijiji aveva esordito negli Usa nel 2007 dopo esser diventato il numero uno in Canada, ed era considerato come lo strumento di sfida di eBay a Craigslist, sito privato di inserzioni locali in cui gli utenti possono trovare appartamenti, posti di lavoro o mettere in vendita le cose usate.

Due anni fa dirigenti di eBay avevano previsto che le attività di inserzioni, comprese Kijiji e nuove acquisizioni, avrebbero tolto a Craigslist il primato nel giro di cinque anni.

Ma Kijiji, che era previsto come un'alternativa più familiare rispetto a Craigslist, ha faticato a trovare pubblico negli Usa.

"Kijiji non era da nessuna parte", dice Gillis, elencando i problemi del sito: "Non era visitato, difficile da pronunciare, non era Craigslist, non aveva offerte imperdibili. E' abbastanza?".

Cambiarne il nome usando quello di eBay, per quanto potenzialmente forte, comprende anche dei rischi, dice Gillis, specie mentre la società lavora per rivitalizzare la sua divisione di mercato di scambio.

"Se diventa un disastro, sarà un disastro per il marchio eBay", dice Gillis.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below