Tecnologia per libri in 3D in Corea del Sud

mercoledì 24 marzo 2010 09:55
 

SEUL (Reuters) - I libri pop-up ormai sono superati: alcuni scienziati sudcoreani hanno infatti sviluppato una tecnologia 3D che permette ai personaggi di uscire dalle pagine nel vero senso della parola.

Recentemente, grazie a una serie di film di successo come "Avatar" e "Alice in Wonderland" di Tim Burton, il 3D è diventato sempre più popolare.

Diverse società hanno messo in vendita tv tridimensionali, e presto arriveranno anche le console per videogiochi.

I ricercatori del Gwangju Institute of Science and Technology sudcoreano hanno usato una tecnologia 3D per animare due libri di favole per bambini, con immagini di dragoni ed eroi.

Le figure del libro hanno una cordicella che fa partire l'animazione in 3D, che i lettori possono godersi indossando gli appositi occhialini.

"Ci abbiamo messo circa tre anni per sviluppare il software", dice Kim Sang-cheol, a capo del team che ha sviluppato il progetto.

Kim ha spiegato che la tecnologia può essere usata per qualsiasi tipo di libro e potrebbe trovare impiego anche negli smartphone e nei musei.

Chi sogna i libri in 3D potrebbe però dover attendere a lungo: "Ci vorrà un po' per mettere sul mercato questa tecnologia", spiega Kim.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Donna con gli occhiali per vedere in 3D, foto d'archivio. REUTERS/Toru Hanai</p>