Accesso al web, 4 persone su 5 lo ritengono diritto fondamentale

lunedì 8 marzo 2010 13:14
 

LONDRA (Reuters) - Quattro adulti su cinque ritengono che l'accesso a internet sia un diritto fondamentale -- questo sentimento è particolarmente sentito in Corea del Sud e Cina -- mentre la metà crede che la Rete non dovrebbe mai essere sottoposta a regole. Lo rivela una ricerca mondiale.

Un sondaggio tra 27.000 persone di 26 differenti paesi, condotto da Bbc World Service, ha mostrato che il 78% degli internauti ritiene di avere più libertà grazie al web, mentre nove intervistati su 10 hanno affermato che internet è un buon luogo dove imparare.

Gli intervistati degli Usa sono stati tra i più convinti nel sostenere che internet sia garanzia di maggiore libertà e anche i più fiduciosi nell'esprimere la propria opinione online.

Altri, infatti, sono molto meno convinti di parlare liberamente online, con il 65% dei giapponesi che ha confermato di non sentirsi libero di esprimere la propria opinione sul web, un sentimento condiviso anche in Corea del Sud, Francia, Germania e Cina.

Dopo il caso Google e la minaccia del colosso americano di abbandonare il mercato cinese alla luce degli attacchi informatici denunciati, più di metà dei 27.000 intervistati ha detto che "Internet non dovrebbe essere sottoposto a regole da alcun governo nel mondo".

Questa convinzione è particolarmente diffusa in Corea del Sud, Nigeria e Messico, mentre non sono così convinti i cittadini di Pakistan (12%), Turchia (13%) e Cina (16%).

"Nonostante le preoccupazioni circa privacy e frodi, le persone in tutto il mondo ritengono che l'accesso a internet sia un loro diritto fondamentale", ha detto Doug Miller, capo di GlobeScan, che ha condotto il sondaggio.

La conferma arriva dai dati raccolti in Giappone, Messico e Russia, dove il 70% degli intervistati ha confermato di non poter vivere senza internet.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Uomo iraniano con un computer portatile in foto d'archivio. REUTERS/Morteza Nikoubazl</p>