Yahoo, AD: pratiche Google? Il mercato è comunque concorrenziale

mercoledì 3 marzo 2010 12:33
 

SUNNYVALE, California (Reuters) - Carol Bartz, amministratore delegato di Yahoo, ha detto che la sua società non ha niente di rilevante da dire alle autorità competenti relativamente alle pratiche di Google.

Bartz ha dichiarato che il recente accordo commerciale di Yahoo e Microsoft è il migliore approccio per competere con Google, il motore di ricerca più grande al mondo che ha recentemente destato l'attenzione degli enti regolatori europei a causa dell'algoritmo di ricerca usato che, secondo le accuse, penalizzerebbe i concorrenti.

"Penso che in generale i mercati funzionino, la nostra posizione è piuttosto competitiva", ha detto ieri Bartz ai giornalisti in una conferenza nel quartier generale di Sunnyvale, California.

Yahoo, oltre all'usuale rivalità con Google, è ora chiamata a gestire una crescente competizione con siti di social network come Facebook che, secondo uno studio diffuso recentemente, avrebbe superato in popolarità Yahoo. Secondo Bartz le dimensioni di Yahoo sono comunque sufficientemente grandi da non richiedere la ricerca di nuovi utenti a tutti i costi.

"La guerra per attrarre nuovi utenti è troppo costosa", ha detto Bartz, esprimendo anche i suoi timori per alcuni orientamenti legislativi europei, con particolare riferimento alla sentenza di condanna dei dirigenti Google pronunciata il 24 febbraio dal Tribunale di Milano.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Carol Bartz, amministratore delegato Yahoo, in foto d'archivio. REUTERS/Robert Galbraith</p>