Musica,Fimi:in Italia nel 2009 vendite a -19%, in aumento online

mercoledì 17 febbraio 2010 13:02
 

MILANO (Reuters) - Il mercato della musica in Italia ha registrato nel 2009 un calo per il nono anno consecutivo, mentre la musica online continua a crescere, superando per la prima volta i 20 milioni di euro.

E' quanto emerge dai dati diffusi oggi da Fimi-Confindustria, la federazione che rappresenta le principali aziende del settore musicale, in concomitanza con il Festival di Sanremo, appuntamento musicale per eccellenza sulla tv di Stato.

Secondo i dati raccolti dalla società di revisione Deloitte, si legge in una nota, la musica online è cresciuta del 27% nel 2009, pur in una situazione di decisa sofferenza dell'intero settore, che complessivamente ha perso il 19% con una costante contrazione del mercato del cd, in discesa ormai da nove anni.

Complessivamente il mercato italiano, tra fisico e digitale, ha fatturato144 milioni di euro contro i 178 milioni del 2008, aggiunge la nota, sottolineando che le vendite di cd e dvd musicali hanno perso il 24% attestandosi a 123 milioni di euro.

Sul fronte digitale, "si conferma il trend di crescita già evidenziato nella prima parte dell'anno e per la prima volta il fatturato supera i 20 milioni di euro", contro i 16 del 2008.

La crescita, spiega ancora la Fimi, è trainata in gran parte dal successo del download da internet, cresciuto del 24% e degli album online cresciuti del 32%.

Cresciute del 135% le vendite di video online e i video streaming, che hanno generato circa 2 milioni di euro.

In calo invece il settore legato alla telefonia mobile, anche a causa del ridotto numero di download di suonerie, calato del 43%.

Anche i dati di Nielsen Soundscan sui volumi confermano il positivo andamento del digitale, che con oltre 11 milioni di brani scaricati sulle piattaforme rilevate dalla società hanno mostrato un incremento del 57%.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Negozio di musica in foto d'archivio. REUTERS/Terri Coles</p>