Gb, gestori telefonia mobile puntano a pubblicità su cellulari

venerdì 5 febbraio 2010 15:50
 

LONDRA (Reuters) - Gli operatori di telefonia mobile britannici hanno intrapreso una collaborazione con la società attiva nel campo delle ricerche di mercato comScore per quantificare l'utilizzo dei cellulari da parte dei loro utenti, cercando così di alimentare il mercato pubblicitario.

Gli inserzionisti sono chiaramente interessati al mercato dei cellulari, dal momento che possono rivolgersi agli utenti personalmente e conoscendone la posizione geografica, ma sono stati fino ad ora frenati dalla mancanza di alcuni dati, come ad esempio quelli relativi all'effettivo utilizzo e consumo di dispositivi mobili.

Stando a quanto riferito da Gartner, società attiva nel settore dell'It, la pubblicità mobile ha generato lo scorso anno 530 milioni di dollari, ma potrebbe schizzare a 13,5 miliardi di dollari entro il 2013.

Gli operatori mobili, tra l'altro, posseggono già importanti dati sull'effettivo consumo dei propri utenti, ma fino ad ora sono stati riluttanti nel diffonderli per motivi di privacy.

"Abbiamo creato un gruppo di volenterosi e abbiamo deciso di provare a fare qualcosa", ha detto Henry Stevens, responsabile per il settore pubblicità mobile presso l'Associazione Gsm, nel suo intervento durante il lancio dell'iniziativa Mobile Media Metrics.

Stevens ha confidato che ci sono voluti quasi tre anni per dare alla luce questo progetto, condiviso da cinque operatori mobili che, secondo quanto detto dal dirigente, puntano ad esportare il progetto anche fuori dal mercato britannico, scelto però come punto di partenza per via delle dimensioni e del livello di sviluppo.

I dati diffusi da O2 di Telefonica, Vodafone, Orange, T-Mobile e 3UK hanno svelato che, nel mese di dicembre, sono stati 16 milioni gli utenti che si sono connessi ad internet da telefono cellulare, visitando 6,7 miliardi di pagine e spendendo online 4,8 miliardi di minuti.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Un uomo sistema il manifesto di un cellulare. REUTERS/Christian Charisius CHA/MAD</p>