Nel nuovo budget Obama annulla il progetto lunare della Nasa

lunedì 1 febbraio 2010 14:20
 

CAPE CANAVERAL, Florida (Reuters) - Il presidente Barack Obama intende porre fine al programma lunare della Nasa, affidare il trasporto spaziale ad aziende commerciali e convertire parte delle tecnologie lunari usandole, tra l'altro, per l'esplorazione di Marte.

Lo hanno riferito oggi alcuni funzionari.

Il piano fa parte della proposta di budget di Obama per il prossimo anno fiscale - dal 30 settembre 2010 al 30 settembre 2011 - reso pubblico oggi, che dovrà essere poi approvato dal Congresso Usa.

La Nasa, che attualmente riceve circa 13 miliardi di euro l'anno (18 miliardi di dollari), è intenta a sviluppare strumentazioni che sostituiscano le navette spaziali, che saranno ritirate quest'anno dopo le altre cinque missioni necessarie per costruire la Stazione spaziale internazionale, progetto da oltre 70 miliardi di euro che coinvolge 16 paesi.

La Nasa spende correntemente più della metà dei suoi fondi per i programmi spaziali per il trasporto di persone.

"Stiamo proponendo di cancellare il programma, non di ritardarlo", dice ai giornalisti in una conference call Peter Orszag, direttore del Servizio di gestione e di budget.

I fondi precedentemente stanziati per il Constellation program, che si prefiggeva lo scopo di far tornare astronauti Usa sulla luna entro il 2020, dovrebbero invece essere usati per progetti di sviluppo di dispositivi robotici e di altre tecnologie necessarie per preparare un'eventuale missione su Marte, aggiunge Orszag.

La Nasa ha già speso oltre 6,5 miliardi di euro (9 miliardi di dollari) per il Constellation program e probabilmente sarà tenuta a corrispondere diversi milioni per recedere dai contratti in essere.

Un gruppo di consulenti, voluti da Obama per rivedere il Constellation program, ha detto che senza un aumento di budget annuale di oltre 2 miliardi di euro (3 miliardi di dollari), il programma sarebbe destinato a fallire.   Continua...

 
<p>24 marzo 2009. Equipaggio della Stazione spaziale internazionale saluta dopo aver parlato con il presidente Barack Obama.REUTERS/NASA TV</p>