Concorso video YouTube per candidare Internet a Nobel

lunedì 18 gennaio 2010 15:54
 

MILANO (Reuters) - Per sostenere la proposta "Internet for Peace", progetto volto a candidare Internet al Premio Nobel per la Pace 2010, il mensile Wired Italia insieme a YouTube ha lanciato un concorso sulla popolare community di video sharing, chiamando a raccolta il popolo di Internet per diffondere in maniera creativa il Manifesto (here) dell'iniziativa.

Come informa una nota di Google, di cui YouTube fa parte, a partire dal 20 gennaio, il canale www.youtube.com/internetforpeace (here), che fin dal lancio dell'iniziativa (realizzata anche con il contributo di Ogilvy Italia) ospita tutte le informazioni sul progetto, si arricchirà di nuovi contenuti generati dagli utenti, che saranno chiamati a realizzare e pubblicare un video che interpreti in modo creativo il Manifesto di "Internet for Peace".

I video potranno essere inviati fino al 30 giugno e saranno votati dalla community. Il vincitore del concorso verrà decretato da una giuria editoriale che terrà conto del giudizio del pubblico e sceglierà il video che meglio avrà interpretato Internet come messaggero di pace e di democrazia.

Il video vincitore, spiega la nota, sarà trasmesso da Mtv Italia il prossimo autunno e il regista sarà intervistato da Wired.

Sul sito, maggiori dettagli sul concorso e sulle modalità di partecipazione saranno disponibili, sempre a partire dal 20 gennaio.

"Quella con YouTube e Mtv Italia è una collaborazione molto importante per Internet for Peace, perché ci permette di rendere le persone protagoniste della campagna e concretizzare così un principio importante per la candidatura... e cioè che Internet rappresenti la più grande piattaforma di relazioni che l'umanità abbia mai avuto, un intreccio di persone connesse tra loro in grado di costruire la cultura del dialogo", ha dichiarato Riccardo Luna, direttore di Wired Italia.

Secondo Stefano Maruzzi, country manager di Google Italy, "In un momento in cui, anche nel nostro Paese, le voci che guardano ad Internet come ad un potenziale pericolo rischiano di sovrastare quelle che ne riconoscono la valenza positiva per la società e l'economia, siamo felici di partecipare ad un'iniziativa che ha il grande merito di promuovere un dibattito sul ruolo della Rete".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Chad Hurley e Steve Chen, co-fondatori di Youtube. REUTERS/Philippe Wojazer</p>