Chianti primo vino quotato a borsa telematica agrolimentare

lunedì 21 dicembre 2009 20:15
 

FIRENZE (Reuters) - Il Chianti Classico sarà il primo vino Docg italiano quotato alla borsa telematica dell'agroalimentare. Lo ha annunciato oggi il presidente del Consorzio del rinomato vino toscano.

Il progetto pilota, primo in Italia, è già pronto e la fase operativa partirà nei primi mesi dell'anno nuovo. Lo scambio nel mercato telematico garantirà soprattutto trasparenza nella formazione del prezzo, ha detto il presidente del Consorzio Chianti Classico, Giuseppe Liberatore.

La trasparenza nella formazione del prezzo è di grande importanza anche per i buyers nazionali e stranieri della grande distribuzione, che avranno così un parametro oggettivo di riferimento, ha detto Liberatore.

Gli scambi telematici della borsa merci attualmente riguardano prodotti agroalimentari italiani con denominazioni di origine, ad esempio il Parmigiano Reggiano, ma ancora nessun vino Docg. Il primo sarà appunto il Chianti Classico, un distretto vitivinicolo da oltre 70mila ettari che produce 40 milioni di bottiglie l'anno, destinate all'esportazione per circa il 70%.

Gli Stati Uniti sono il primo importatore (29%) e il giro d'affari complessivo è di circa 300 milioni di euro.

"Abbiamo puntato sugli scambi telematici in un mercato regolamentato soprattutto per superare l'attuale sistema di quotazione dei dei vini che affidato a commissioni istituite presso le Camere di Commercio - ha detto il presidente del Consorzio - "Un sistema che, secondo noi, non offre i necessari elementi di oggettività e completa trasparenza".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia