Biblioteche Usa chiedono supervisione su progetto Google libri

venerdì 18 dicembre 2009 13:08
 

WASHINGTON (Reuters) - Tre associazioni di biblioteche americane hanno chiesto al Dipartimento di Giustizia di effettuare una supervisione sui progetti di Google di creare una grande biblioteca digitale, per evitare iscrizioni istituzionali eccessivamente costose.

American Library Association, Association of College and Research Libraries e Association of Research Libraries che hanno annunciato ieri l'iniziativa, sostengono di non poter concorrere efficacemente con il grande progetto di Google nel breve periodo.

La richiesta al governo è quella di esortare il tribunale a usare la propria autorità per una supervisione che eviti una scelta dei prezzi abusiva del progetto di libri online.

"Gli Stati Uniti dovrebbero monitorare attentamente l'implementazione dell'accordo, compresi i prezzi delle iscrizioni istituzionali", hanno detto le organizzazioni delle biblioteche in una lettera del 15 dicembre diffusa ieri, indirizzata a William Cavanaugh, vice assistente procuratore generale alla divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia.

Il progetto di Google di digitalizzare milioni di libri è stato criticato da diverse parti.

In aggiunta alle preoccupazioni delle biblioteche sul fatto che il prodotto possa avere un costo elevato, Amazon, assieme e Microsoft ed altri rivali di Google, hanno diffuso voci critiche sul progetto.

Il piano di digitalizzazione ha dato origine a una causa legale nel 2005, intentata da autori ed editori che hanno accusato Google di violazioni del copyright con la scannerizzazione di libri nelle biblioteche.

Google, sindacato autori e editori hanno raggiunto un accordo extragiudiziale il mese scorso firmando un accordo mirato a rassicurare le preoccupazioni in tema di antitrust e violazioni dei diritti d'autore sollevate dal Dipartimento di Giustizia.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Una sede di Google in una foto d'archivio. REUTERS/Christian Hartmann</p>