Autorizzazione Cielo tv,commissario:ministero non alimenti dubbi

martedì 15 dicembre 2009 13:37
 

ROMA (Reuters) - Se il diritto di Cielo Tv - emittente che fa capo al gruppo Sky - a trasmettere sul digitale terrestre esiste, l'autorizzazione non può essere fatta attendere troppo a lungo.

Lo pensa Roberto Napoli, commissario Agcom, che ha spiegato la propria posizione durante una tavola rotonda organizzata da Business International.

Ho grande rispetto per il ministero, ha detto Napoli, "ma sono passati 44 giorni dalla richiesta avanzata per Cielo, l'Agcom ha autorizzato dopo 24 ore: insomma, se il diritto c'è, e io dico che c'è, non si alimentino dubbi anche perchè non mi pare che ci siano ostacoli".

Il 2 novembre Sky ha presentato la richiesta di autorizzazione al ministero delle comunicazioni per un nuovo canale terrestre chiamato Cielo.

Il ministero, che ha a disposizione 60 giorni, non ha ancora rilasciato l'autorizzazione anche se ha già ricevuto l'ok della Commissione europea a cui si era rivolto lo stesso viceministro Paolo Romani chiedendo di chiarire alcuni dubbi interpretativi.

Nei giorni scorsi era stato lo stesso Romani a dire che il via libera definitivo non sarebbe tardato.

Fra il gruppo NewsCorp e Silvio Berlusconi, presidente del Consiglio e soprattutto principale azionista del gruppo Mediaset è in corso da qualche tempo uno scontro sia legale che commerciale.

I due gruppi si sono reciprocamente denunciati in tribunale e all'autorità per la concorrenza e stanno cercando di atterrare sulle piattaforme controllate dall'avversario: Sky su digitale terrestre, Mediaset sul Satellitare..

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italian. Le top news anche su www.twittwer.com/reuters_italia

 
<p>Foto d'archivio di Murdoch con moglie. REUTERS/Russell Boyce</p>