Docente Oxford a favore dei giochi Web per insegnare matematica

lunedì 30 novembre 2009 13:17
 

LONDRA (Reuters) - I giochi su Internet possono aumentare l'interesse dei bambini per le materie scientifiche, secondo quanto sostiene un docente dell'Università di Oxford che ricorre alla danza per spiegare i teoremi.

Marcus du Sautoy ha parlato di una "vera crisi" nell'insegnamento della matematica nelle scuole secondarie britanniche, frequentate dai ragazzini dagli 11 ai 16 anni, dove secondo lui anche gli alunni più entusiasti "perdono interesse e si annoiano".

La sua risposta al problema è un sito Internet dedicato alla matematica che usa videogame per insegnare ai ragazzini la geometria e le equazioni.

Con illustrazioni in stile cartone animato giapponese, il sito Web www.mangahigh.com mette a disposizione dei visitatori giochi gratuiti, offrendo anche corsi di matematica, e si rivolge sia alle scuole che ai singoli alunni.

Du Sautoy è uno dei consulenti del sito, creato dall'imprenditore Toby Rowland, co-fondatore di King.com, una delle principali aziende di Internet, e figlio del defunto magnate Roland "Tiny" Rowland.

I due - Rowland di quattro anni più giovane di Du Sauto - si sono conosciuti all'Università di Oxford.

"Ho notato quanto mio figlio giocasse su internet, con la PS3, e quando Toby venne da me e mi disse che si potevano usare tutte quelle funzioni... ho pensato che si trattasse di una sfida interessante", ha raccontato Du Sautoy.

Alcune scuole a Londra e nel Tennessee stanno sperimentando il sito, in cui c'è anche un videogioco che si chiama "Save Our Dumb Planet", in cui i bambini devono inserire delle coordinate in un grafico per dirigere un missile contro un asteroide che sta per colpire la Terra.

Du Sautoy ha detto che questo gioco è un buon esempio del tipo di matematica usata concretamente dagli scienziati.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>I World Cyber Games di Singapore. OFFPO REUTERS/Nicky Loh</p>