Wired Italia lancia candidatura di Internet a Nobel per la Pace

venerdì 20 novembre 2009 13:07
 

MILANO (Reuters) - Wired Italia, edizione della rivista californiana "Bibbia" dell'innovazione e dell'hi tech, ha lanciato il progetto "Internet for Peace" candidando ufficialmente il Web al Premio Nobel per la Pace 2010.

La presentazione pubblica del progetto, come informa una nota, è in programma oggi a Milano, (Piccolo Teatro Studio alle 18), all'interno delle manifestazioni di Science For Peace Live.

L'idea, a cui sarà dedicato il prossimo numero di Wired, spiega la rivista sul proprio sito web, vedrà coinvolti numerosi ambasciatori e sostenitori, primi fra tutti l'iraniana Premio Nobel per la Pace Shirin Ebadi, il professor Umberto Veronesi, lo stilista Giorgio Armani, insieme alle redazioni di Wired di Stati Uniti e Regno Unito.

"Dobbiamo guardare a Internet come ad una grande community in cui uomini e donne di tutte le nazionalità e di qualsiasi religione riescono a comunicare, a solidarizzare e a diffondere, contro ogni barriera, una nuova cultura di collaborazione e condivisione della conoscenza", spiega sul sito Riccardo Luna, direttore di Wired Italia.

"Internet può essere considerato per questo la prima arma di costruzione di massa, in grado di abbattere l'odio e il conflitto per propagare la democrazia e la pace", aggiunge.

Secondo Luna, quanto accaduto in Iran dopo le ultime contestate elezioni, quando il web e siti di social network come Twitter sono stati strumenti in grado di aggirare i divieti del governo, e il ruolo giocato dalla Rete nella diffusione delle informazioni altrimenti prigioniere della censura "sono solo l'ultimo esempio di come Internet possa divenire un'arma di speranza globale".

"Internet for Peace" sulle pagine di Wired Italia partirà proprio dall'Iran e dalla rivolta di Teheran dopo le ultime elezioni presidenziali. Ogni mese fino a settembre 2010, "Wired dedicherà un approfondimento alle storie e alle esperienze di chi - con la Rete - ha provato e prova a fare crescere la pace. Inoltre per ogni storia raccolta Current Tv realizzerà un video racconto che verrà trasmesso oltre che in Italia anche negli Stati Uniti e in Inghilterra", dice il sito.

Alla prima firmataria del manifesto di Internet for Peace, Wired Italia ha voluto dedicare la copertina del prossimo numero. Shirin Ebadi, prima iraniana musulmana a vincere il Premio Nobel per la Pace nel 2003, si è schierata a sostegno della candidatura di Internet per il prossimo Premio Nobel per la Pace.

Il lancio del sito dedicato all'iniziativa e la raccolta di adesioni è prevista per oggi alle 17.30, quando sarà online il sito www.internetforpeace.org.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Il logo dell'iniziativa di Wired Italia. REUTERS/Ho</p>